Banche e mutui a tasso variabile. Come verificare se gli istituti di credito abbiano sbagliato a calcolare gli interessi contrattualmente pattuiti – Ep. 5

Ep. 5 – Banche e mutui a tasso variabile

MCM Il podcast di diritto per le piccole e medie imprese

Non siete certi che i tassi applicati dal vostro istituto di credito siano corretti? Vi fidate poco e vorreste verificarne la congruità?

Vi confermiamo che, a volte, anche le banche commettono degli errori di calcolo!

Questo sembra essere successo ad alcuni istituti di credito nel conteggio degli interessi sui mutui a tasso variabile.

In alcuni casi, infatti, le banche sembrano non essersi accorte che dalla prima metà del 2015 il tasso Euribor (al quale sono agganciati molti contratti di mutuo ad interesse variabile) è diventato negativo, così erodendo lo spread dalle stesse applicate.

La stessa Banca d’Italia si è vista costretta ad emettere un comunicato di richiamo, invitando le banche a verificare le procedure in uso ed a procedere al rimborso a favore dei clienti delle somme eventualmente pagate in eccesso a titolo di interessi.

Con questa puntata di MCM il Podcast di diritto per le piccole e medie imprese vi spiegheremo quali clausole individuare nei contratti di finanziamento da voi sottoscritti per verificare la correttezza o meno degli interessi che vi sono stati addebitati dalla banca.

Il tutto per permettervi di capire se ci sono i presupposti per inoltrare una richiesta formale alla banca al fine di ottenere il rimborso delle somme eventualmente pagate in eccedenza ed anche per evitare che nel futuro vi vengano addebitati importi non dovuti.

Scarica ed ascolta il podcast su iTunes!

Scarica ed ascolta il podcast su Spreaker!

Materiali:

  1. Comunicazione Banca d’Italia del febbraio 2016;

  2. Provvedimento AGCM pubblicato il 23.12.2016 – Accettazione_impegni Unicredit (23-12-2016);

  3. https://www.linkedin.com/pulse/unicredit-spa-rimborsa-i-titolari-dei-contratti-di-mutuo-schir%C3%B2?trk=hp-feed-article-title-comment

    pubblicato il 4 gennaio 2017